• slide1.png
  • Slide2.png
  • Slide3.png
  • Slide4.png
  • Slide5.png
  • Slide6.png
  • Slide7.png
Olio Extravergine di oliva da agricoltura biologica
Italian Chinese (Simplified) Dutch English French German Spanish

 



Azienda

L’Azienda, fondata da Pellegrino Arcario tra il 1960 e il 1970, ha una superficie di quasi 20 ettari: una parte (Ha 14.00.00) è ubicata in montagna ad una altitudine di 700 m. / s. l. m. (Contrada Cuttunaru); l'altra (Ha 5.47.00) in pianura ad una altitudine di 300 m. / s. l. m. (Chianu di Monacu).

In ambedue le contrade il fondatore ha posto particolare attenzione e cura alla conservazione e alla coltivazione dell’olivo, privilegiando come coltivazione (cultivated variety) la Bianculidda ( Biancolilla).


Dal mese di Luglio 1998, data della notifica alla Regione Siciliana (sito web www.regione.sicilia.it) e all’organismo di controllo e di certificazione prescelto (Ecocert Italia sito web www.ecocertitalia.it), i fratelli Pino (Dottore in Filosofia e Responsabile al marketing e alla comunicazione) e Bernardo Arcario (Responsabile alla produzione) hanno deciso di convertire l’Azienda ai principi dell’Agricoltura Biologica (Reg. CE n. 2092/91) per produrre olio extra vergine di oliva secondo precise caratteristiche legate all’arte olearia e per applicare dei metodi di conduzione agricola volti alla tutela dell’ambiente (interventi farmacologici approvati dall’organismo certificatore per contrastare determinate patologie legate all’olivo, lavorazione meccanica, diserbo, potatura annuale).


L’altro punto del piano aziendale riguarda l’aumento degli alberi di olivo: l’Azienda ha provveduto ad incrementarne gradualmente il numero in Contrada Cuttunaru, da 1200 a 2000; lo stesso piano aziendale è stato effettuato in Contrada Chianu di Monacu, dove il numero degli alberi, da circa 200, è passato a 900.

Considerato che l’attuale superficie agricola utilizzata (Sau) all’Olivicoltura è di circa 13 ettari, l’Azienda lavora ad un piano di espansione aziendale incentrato sull’aumento degli alberi di olivo. La coltivazione preferita rimane sempre la Bianculidda.

 

Cerca